Litigare per bene: 10 consigli per litigi costruttivi

Per una coppia litigare è più che normale. Si tratta di un’azione utile e liberatoria. I litigi però, molto spesso, finiscono per essere distruttivi, deprimenti, umilianti e dolorosi. I conflitti fanno parte di tutte le relazioni umane, e in modo particolare della relazione di coppia. Se vengono affrontati nel modo giusto possono rappresentare un’opportunità di crescita; il superamento dei conflitti conduce ad un livello di amore più maturo, disposto anche alla negoziazione.
In altri termini, ciò significa riuscire ad affrontare i litigi in maniera creativa e costruttiva in modo che l’unione ne esca rafforzata e non provata. I litigi possono portare a una più profonda comprensione sia dell’altro che di se stessi.
Non bisogna evitare lo scontro, bensì affrontarlo in modo intelligente e per imparare a farlo si possono seguire questi 10 consigli.

1. Non evitate il conflitto
L’errore più comune è quello di evitare il conflitto; ma le conseguenze di questa pratica possono essere molto pericolose. Evitando il problema si finisce per accumulare rabbia e risentimento che prima o poi finiscono per scoppiare anche in modo violento e confuso.
È quindi necessario favorire il confronto, utilizzando le diversità come una ricchezza e non come un ostacolo. Il conflitto di per sé significa riaffermazione della propria identità e individualità, ed è per questo, che attraverso le sue dinamiche, la coppia può evolvere positivamente; superare certi screzi e scontri permette alla coppia di raggiungere un equilibrio più elevato.

2. Un problema alla volta
Per non ritrovarsi in un turbinio di argomenti buttati alla rinfusa rischiando di non sapere più di cosa si stia parlando, è sempre necessario cercare di essere precisi.
La soluzione più semplice è iniziare a parlare introducendo da subito l’argomento: “Avrei bisogno di parlarti di questa cosa”. Proseguire specificando le proprie motivazioni rivolgendosi sempre al presente; quando si discute non è mai producente né rivangare le cose del passato, né tirare fuori troppi argomenti. Rischiereste di finire con non sapere più come uscirne.

3. I grandi problemi vanno divisi
Se il problema da affrontare è fin troppo complesso, è preferibile che venga suddiviso in micro-problemi.
Suddividendo il problema in parti, risulterà molto più semplice discuterne e non sembrerà più così insormontabile. Non solo riuscirete a discuterne meglio ma sicuramente sarete anche in grado di giungere a una conclusione trovando la soluzione più idonea al problema.

4. A volte il compromesso è necessario
Durante i litigi, capita spesso di dare per scontato di avere ragione. Questo presupposto è assolutamente sbagliato perché può portare a non prendere minimamente in considerazione il punto di vista e le motivazioni dell’altro.
Costa fatica ma è assolutamente necessario tenere sempre presente che la propria soluzione può non essere l’unica soluzione possibile; piuttosto che la proposta del partner valga tanto quanto la propria.

5. I litigi non sono delle guerre
Fondamentalmente, alla base di litigi intelligenti c’è il confronto sincero e spassionato. Alla fine del cammino di discussione non possono esserci vinti, ma soltanto vincitori.
La cosa più intelligente da fare è evitare che la discussione diventi una guerra aperta, ma piuttosto una collaborazione. Una coppia può vincere solo se vince insieme. Esattamente come il fatto che se uno dei due partner ha un problema automaticamente la coppia stessa ha quel problema. Non si può discutere con l’intento di dimostrare chi ha torto e chi ha ragione ma pensando piuttosto che risolvendo il problema della coppia si risolve automaticamente il problema per entrambi.

6. Ognuno è nella propria testa
Un altro errore molto comune nei litigi è quello di pensare che il partner in realtà voglia dire qualcosa di diverso rispetto a quello che effettivamente sta dicendo.
Per quanto due partner possano conoscersi bene, non possono mai davvero sapere né immaginare di sapere cosa stia pensando l’altro. Questo atteggiamento limita fortemente l’idea che si ha dell’altra persona a come si pensa di conoscerla, negando in questo modo la sua libertà di espressione. Se si ha il dubbio che dietro a un’espressione ci sia un significato ben più nascosto, è bene chiedere chiarimenti, ma pur sempre senza insinuare nulla. Non è quindi d’aiuto supporre di sapere sempre cosa stia pensando il proprio partner; fino a prova contrario ognuno è nella propria testa e per quanto ci si conosce non si può di certo credere di poter stare anche all’interno di quella dell’altro.

7. Ascoltare prima di ribattere
Un’altra cosa, solitamente molto difficile da fare durante i litigi, è quella di mettersi in ascolto attivo dell’altro. Per ascolto attivo si intende il parlare uno alla volta, con tutta la calma possibile, lasciando che l’altro esprima il proprio pensiero senza interruzioni. Cercate di parlare uno alla volta ascoltando fino in fondo ciò che il partner ha da dire senza spostare la propria attenzione sul come poter ribattere.
Ascoltatevi mettendovi uno nei panni dell’altro; fatevi delle domande precise che vi aiutino a capire fino in fondo le motivazioni dell’altro. Più cercherete di vederci chiaro, più il panorama che avrete davanti sarà pieno di soluzioni e di comprensione.

8. No ai confronti
Non c’è cosa più mortificante che fare confronti. Questi producono ira e stizza, mortificano il partner non facendolo sentire all’altezza della situazione e quindi non in grado di risolvere il vostro problema.
Se c’è qualcosa che non va; se il partner non si è dimostrato bravo, bello, buono come vorreste o come avrebbe potuto fare, non è comunque il caso di sottolinearlo. In questo modo non farete che infierire in maniera nociva su di lui. Rischierete di far sentire il vostro partner attaccato, sminuito; come se fosse una persona dalla quale non potersi aspettare nulla di più di questo. Ricordatevi piuttosto che nessuno è perfetto, nemmeno voi!

9. No alle etichette
Quando si parla di litigi ci sono delle frasi che possono essere davvero distruttive: “Non fai mai..”, “Non pensi mai..”, “Tanto fai sempre così”, “Sei sempre il solito”. Queste sono frasi che andrebbero sempre evitate perché infieriscono sulla totalità della persona e non sulla specifica situazione che riguarda il vostro problema.
La mancanza del partner, in questo modo, può sembrare estesa e irrecuperabile; quasi come non esistesse né il modo né l’occasione giusta per risolvere il conflitto. È molto probabile che con un atteggiamento del genere non si riesca mai davvero a superare nessun tipo di conflitto.

10. No a sarcasmo e lamentele
L’ironia può essere l’arma giusta per affrontare questioni scottanti e che ci stanno particolarmente a cuore; al contrario il sarcasmo non lo è. “Certo che sei proprio bravo/a…”, “Per fortuna che hai detto che ti andava bene..”, sono espressioni che suonano come un ricatto.
Anche le lamentele andrebbero evitate quando si tratta di litigi. La lamentela finisce per scatenare il senso di colpa nel partner che lo porta a considerare nel litigio anche ambiti che inizialmente non erano stati coinvolti nel problema. Si finirebbe per ingigantire il problema rendendolo meno affrontabile.