I 7 bouquet 2018: tra Greenery e New Classic

Tra i bouquet 2018 ce ne sono alcuni che non passano mai di moda. Questo non è effettivamente l’anno delle peonie, dei tulipani e degli anemoni, ma ancora resiste il classico bouquet di fiori tondeggianti, il preferito dalla spose. Il 2018 però è l’anno del greenery e del new classic. Una rottura ancora più estrema della tradizione rispetto a quella già avvenuta lo scorso anno.

Piante grasse: assoluta novità nei bouquet 2018
Piante grasse: assoluta novità nei bouquet 2018

Tendenze floreali 2018

Anche se alcune tendenze 2017, come il mazzo a cascata o con un solo fiore, continuano a rimanere sulla scena, tra i bouquet 2018 si inseriscono delle grandi novità floreali. Insieme alla classica ed elegante rosa c’è il new classic dell’enorme ed esotica protea, il fantastico fiore nazionale del Sudafrica.

Per non parlare di giganti girasoli perfetti per far risplendere il bouquet di un matrimonio estivo; le bacche e i frutti di bosco, o il foliage sempre più voluminoso delle foglie di eucalipto, o della “pianta delle monete“, scientificamente Pilea peperomioidesconosciuta anche con molti altri nomi, che di recente ha spopolato su Instagram.

La rivoluzione greenery ha già segnato questo nuovo anno a partire proprio dallo stile di matrimoni sempre più partecipi della natura. Ma a cavalcare l’onda dell’assoluta novità sono in assoluto le piante grasse. Sempre più amate dagli italiani, hanno fatto capolino anche nel mondo dei matrimoni; dapprima come bomboniera per finire poi nel bouquet.

Scopriamo insieme quali sono, nello specifico, tutte le novità dei bouquet 2018.

1. L’esplosione del messy bouquet

Sulla scia dei tanto amati mazzi a cascata o dallo stile natural, si affaccia tra i bouquet 2018 il messy bouquet; un mazzo sempre più originale, destrutturato e asimmetrico. Il mix di elementi rappresenta la perfetta armonia della natura in tutto il suo splendore per un effetto chic mozzafiato. Nonostante fiori, fogliame e colori vengano scelti con molta cura e sistemati con estrema precisione, l’aspetto finale è decisamente casual. Nuclei di rose dai colori tenui dalle quali partono ramoscelli di ciliegio o grandi protee, nel verde delle foglie di eucalipto o di ulivo. Un carattere decisamente boemo, perfetto per matrimoni rustic chic, ma soprattutto per matrimoni in primavera, la stagione in cui la natura si esprime senza alcun riserbo.

2. Un solo colore nel bouquet mono-cromatico

Se siete spose “colorate” e non convenzionali, l’originale bouquet monocromatico, molto di tendenza tra i bouquet 2018, è il più indicato per voi. Con fiori di un solo colore, questo mazzo è adatto non solo per matrimoni rustic chic o street style, ma anche per nozze dalle note più classiche.

Al matrimonio rustic chic, bucolico o elegante, si addice un mazzolino di fiori di lavanda; per lo street style, molto più metropolitano e sportivo, è più indicato un mazzo di sole rose rosse. Per lo stile più classico, invece, è perfetto un mazzo di tulipani bianchi. L’importante è che i fiori abbiano colori naturali e non artificiali; i colori artificiali possono dare l’impressione di qualcosa di finto, e quindi di poco elegante.

Il destrutturato messy bouquet
Il destrutturato messy bouquet
L'unconventional bouquet monocromatico
L'unconventional bouquet monocromatico
Nel bouquet foliage spopola la Pilea peperomioides
Nel bouquet foliage spopola la Pilea peperomioides
L'amatissimo domo bouquet
L'amatissimo domo bouquet

3. Bouquet foliage: foglie protagoniste dell’anno del greenery

Nell’anno del greenery, l’invadenza delle foglie, non poteva che trasformarsi in un bouquet. L’incontro tra questa tendenza e il new classic ha dato vita al bouquet foliage, un mazzo costituito principalmente da foglie; una “verde” tendenza del tutto nuova tra i bouquet 2018, e che con molta probabilità incontreremo anche il prossimo anno.

I fiori lasciano spazio alle foglie e il mazzo diviene una verdeggiante selva di felci, eucalipto, e ulivo. Ma su tutte svetta la “pianta delle monete”, che arriva direttamente dalla Cina; le sue foglie rotonde sono così ammirate che le hanno valso l’Award della Royal Horticultural Society. La novità tra le novità in ambito green però è in assoluto quella delle piante grasse. Il bouquet foliage è essenziale ed elegantissimo, adatto a spose chic, non esageratamente glamour, che mirano ad una sottile eleganza senza tempo. Eucalipto, ulivo, felci, e piante grasse, rappresentano il podio di questo lussureggiante 2018.

4. Il più amato dei bouquet 2018: il bouquet domo

Presente già lo scorso anno nel mondo wedding, il mazzo domo, conosciuto anche come bouquet bundu, si riconferma come uno dei più amati dalle spose. La caratteristica principale di questo bouquet, nonché il suo fascino, è un nastro di stoffa che, avvolgendo i gambi dei fiori, termina con un grosso fiocco. La semplicità di questo mazzo, perfetta sia per matrimoni boemi che raffinati, è la soluzione delle spose che fanno del romanticismo e della naturalezza il proprio fascino.

5. Per i più golosi: il bouquet commestibile

Un’alternativa curiosa, accattivante, e soprattutto, golosa, tra i bouquet 2018, è il bouquet commestibile. Il nome, ovviamente, la dice lunga su questo mazzo; in esso sono infatti inseriti elementi che possono essere tranquillamente mangiati. Frutti di bosco come mirtilli, lamponi, ribes e more, fragole, per non parlare di ramoscelli di gustose bacche selvatiche o di frutta fresca di stagione, come melograni, mandarini, mele e ciliegie.

Questo bouquet è perfetto se abbinato a una composizione floreale destrutturata, dai delicati toni neutri, arricchita da lussureggianti foglie verdi. Ideale per matrimoni in fin estate fino alla primavera; è sconsigliato invece nei mesi estivi, dato che le temperature calde potrebbero rovinarlo prima del previsto.

6. Bouquet minimal: l’essenzialità la fa da padrona

Una delle più recenti tendenze suggerisce un bouquet minimalista: un unico rametto fiorito o un mazzetto di piccoli fiorellini. Più che di bouquet si tratta di un vero e proprio simbolo di libertà. Bello ed elegante, conferisce alla sposa un look delicato e sofisticato. Perfetti in questo senso sono i rami di ulivo che donano un aspetto decisamente mediterraneo al bridal look; o rami di mandorlo fioriti per un effetto più delicato e dolce.

Molto apprezzati anche i mazzetti di piccoli fiorellini come per esempio un bouquet minimal di camomilla o margherite: delicato, coraggioso e ricercato; richiamo del gusto semplice del passato. Per renderlo più corposo e decorativo, arricchitelo con delle rigogliose foglie verdi.

Il bouquet minimal si intona perfettamente a matrimoni minimal raffinati e delicati e in stile boho chic, immersi nella natura e magari celebrati all’aria aperta.

Se invece desiderate essere una principessa a tutti gli effetti ispiratevi alla tradizione regale: inserite nel bouquet il mirto, simbolo di amore e matrimonio. Non c’è sposa reale che si rispetti che non l’abbia dovuto utilizzare per il proprio bouquet. Quella del mirto è infatti una tradizione voluta dalla Regina Vittoria, e alla quale dovrà adeguarsi anche Meghan, tra circa due settimane, quando convolerà a nozze con il principe Harry. Solitamente, i rami di mirto inseriti nei bouquet reali, provengano proprio dal giardino della Regina Vittoria.

More, fragole, mandarini e molto altro nel bouquet commestibile
More, fragole, mandarini e molto altro nel bouquet commestibile
L'essenzialità del bouquet minimal
L'essenzialità del bouquet minimal
Fiori di mirto come le spose reali
Fiori di mirto come le spose reali
Il must 2018: l'hoop bouquet
Il must 2018: l'hoop bouquet
Hoop bouquet con bacche o nastri colorati
Hoop bouquet con bacche o nastri colorati

7. Hoop bouquet: l’innovativa corona di fiori

La novità assoluta dei bouquet 2018 però è in assoluto l’hoop bouquet: un cerchio di piccole o medie dimensioni, dove sono intrecciati fiori e foliage, che si impugna proprio come una borsa. Di solito non viene decorato nella sua interezza; il fascino sta nel lasciare una parte del cerchio libera da poter usare come maniglia. La struttura circolare di questo particolare bouquet può inoltre essere personalizzata a proprio piacimento. Più natural se realizzato in legno, più moderno se di metallo dipinto in argento, rame, oro giallo o anche oro rosa, molto elegante e raffinato.

Questo originale bouquet si addice a matrimoni dagli stili più diversi: rustici (con struttura in legno e fiori bianchi), eleganti e romantici (con peonie rose), moderni (con elementi foliage o piante grasse), bucolici o country (con gerbere, margherite e girasoli); senza parlare del matrimonio primaverile. La sua struttura richiama quella della tanto amata e di tendenza coroncina di fiori usata per l’acconciatura della sposa. Questa fantastica novità è perfetta per matrimoni all’aria aperta dove è protagonista assoluta la natura; come in un matrimonio primaverile, dove la location scelta sarà sicuramente bucolica.

Insomma l’hoop bouquet è probabilmente il più originale del 2018; come è originale la sposa che lo sceglie; unica, speciale, moderna, audace e in grado di distinguersi. Se siete spose innovatrici, a cui piace rompere con le tradizioni, questo è il bouquet che fa al caso vostro!